SCIA-ATTIVITA’ DI TINTOLAVANDERIA (SCIA CONDIZIONATA)


Settore
DIREZIONE SVILUPPO E GOVERNO DEL TERRITORIO E AA. PP. - SUAP
Indirizzo
Via Vittorio Veneto, 12
PEC
suap.gravinainpuglia@pec.rupar.puglia.it
Telefono
080 3259111

Descrizione
Indicazioni
Riferimento normativo
  • DPR 160/2010 Art. 5
Note
Termine (gg)
1

Responsabile procedimento
Geom. Arcangelo LOGLISCI
Email
arcangelo.loglisci@comune.gravina.ba.it
PEC
Telefono
0803259272
Responsabile in caso di inerzia
Arch. Antonio VENDOLA
Email
dirigente.urbanistica.gravinainpuglia@pec.rupar.puglia.it
PEC
dirigente.urbanistica.gravinainpuglia@pec.rupar.puglia.it
Telefono
0803259272

Modulistica
PER EDITARE I FILE IN PDF/A È NECESSARIO CLICCARE SUL PULSANTE ABILITA MODIFICA
Obbligatorio - - - Quadro Riepilogativo  
Obbligatorio - - - Allegato B  
Obbligatorio - - - Allegato A  
Obbligatorio - - - Scheda Anagrafica  
Obbligatorio - - Accertarsi che sia in corso di validità  
Obbligatorio - Modello Domanda - SCIA Tintolavanderia_Lavanderia Self con firma digitale  
- Attestazione del versamento dell’imposta di bollo:Obbligatoria in caso di presentazione di un’istanza contestuale alla SCIA (SCIA condizionata)  
- Documentazione per la richiesta di autorizzazione in deroga (*). Nel caso di attività ubicata in locali sotterranei o semisotterranei che non dia luogo a emissioni di agenti nocivi.  
- Documentazione per la richiesta di AUA per gli scarichi di acque reflue. Nel caso di impiego di lavatrici ad acqua analoghe a quelle di uso domestico e che effettivamente trattino oltre 100 kg di biancheria al giorno  
- Documentazione per la richiesta dell’autorizzazione per insegna di esercizio. Nel caso di attività che preveda insegna esterna (dove è prevista la domanda di autorizzazione)  
- Documentazione per la richiesta dell’autorizzazione generale o AUA (nel caso di più autorizzazioni) alle emissioni in atmosfera. Nel caso di impianti a ciclo chiuso per la pulizia a secco di tessuti e di pellami, escluse le pellicce,  

AVVIA PROCEDIMENTO


Nel rispetto delle prescrizioni fornite dal Garante della Privacy con proprio parere n. 282 del 7 luglio 2011, si precisa che tutti gli indirizzi email sopra elencati devono essere utilizzati al solo fine di inviare, alle caselle di posta elettronica istituzionali del personale o degli uffici, messaggi per finalità esclusive alle funzioni istituzionali dell’ente. Il suddetto elenco, inoltre, deve essere sottratto all’indicizzazione da parte di motori di ricerca generalisti e la sua divulgazione e pubblicazione deve essere accompagnata da un avviso su tali limitazioni d’uso.

Torna indietro